Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Angelini Holding S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Angelini Holding S.p.A. impiega cookie di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie. Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.

Programmi di Ricerca e Sviluppo

L'esperienza del gruppo Angelini in R&D ha avuto inizio negli anni Sessanta con lo sviluppo di molecole farmaceutiche originali e prosegue grazie a una strategia di investimenti mirati a una costante innovazione in termini di prodotto.

Ricerca e Sviluppo in campo farmaceutico

La Ricerca Angelini ha identificato negli anni principi attivi diventati pietre miliari nella farmacoterapia, come trazodone e benzidamina. 

Attualmente sono attivi programmi di ricerca e sviluppo nelle aree Malattie e Disturbi del Sistema Nervoso e Dolore e Infiammazione, con un forte impegno nello sviluppo dei nuovi trattamenti per la popolazione pediatrica. 
Sono in corso più di 20 studi clinici, che coinvolgono oltre 2.000 pazienti, in 12 stati.
Angelini Pharma annovera collaborazioni pubblico-privato con Università e Centri di eccellenza nazionali e internazionali, e riconosce al networking scientifico un contributo importante nel creare innovazione.  Un esempio virtuoso è rappresentato dalla collaborazione con l’Istituto Italiano di Tecnologia (GE), famoso nel mondo per i suoi programmi all’avanguardia sulle scienze computazionali e sulla robotica, e con il quale Angelini ha attivato, dal 2013 collaborazioni nell’ambito della ricerca sul sistema nervoso centrale. Altrettanto lungimirante è la collaborazione con il King’s College di Londra nel campo dell’analgesia.

Macchine industriali all'avanguardia.

Attiva nella ricerca e sviluppo, nel corso degli anni Fameccanica ha depositato più di 600 brevetti, creando soluzioni innovative nelle tecnologie, nei processi e nei prodotti. 

Un esempio dove ricerca e sviluppo, rispetto per l'ambiente e business si incontrano è costituito dal progetto Glueless di Fameccanica. Nel 2018, Fameccanica ha ricevuto il “Life Best Award” per il proprio progetto Glueless, classificandosi tra i primi 62 migliori progetti Life+ finanziati dall’Unione Europea nel biennio 2016 e 2017 per il supporto al progresso ambientale, di conservazione della natura e del clima.
Il progetto riguarda lo sviluppo di nuove strutture “Glueless” di prodotto-pannolino e delle tecnologie da integrare sulle linee di produzione.

Il Progetto Glueless Fameccanica dimostra come l'impatto ambientale possa essere significativamente ridotto attraverso la sostituzione della colla sui prodotti igienico-sanitari monouso con metodi alternativi di saldatura, contribuendo al rispetto dell’ambiente e anche a significativi risparmi sul costo finale del prodotto.

L’innovazione di prodotto di Fater

L’innovazione è una costante nella storia di Fater, che ha dato vita a prodotti rivoluzionari e concettualmente nuovi nell'arco della sua storia. 

Pampers Mutandino, lanciato nell’ultimo anno, ne è un esempio: un pannolino che ha la forma di una mutandina, è facile da indossare e da cambiare. Il prodotto, nelle diverse taglie, raddoppia l’offerta Pampers e si affianca, nelle due linee principali, ai pannolini Pampers con etichette.

Cotone è invece l’innovazione che investe la gamma degli assorbenti e proteggi slip Lines: la parte di prodotto a contatto con la pelle è al 100% in cotone.

L’innovazione per Ace Detersivo ha portato una diversa formulazione che ha consentito una riduzione del dosaggio e la riduzione del 20% della plastica utilizzata per la bottiglia. In un anno vengono risparmiate all’ambiente circa 150 tonnellate di plastica.